"Nel momento in cui mi accetto così come
sono che io divengo capace di cambiare"
(Carl Rogers)

Cos'è la psicoterapia?

La psicoterapia consiste in una serie di pratiche finalizzate a ridurre o estinguere il disagio
psichico
(di tipo psicopatologico o esistenziale) mediante “interazione psichica”: due persone, il paziente e lo psicoterapeuta, si incontrano per una o più volte alla settimana e si occupano attraverso il dialogo del problema portato dal paziente fino alla risoluzione del problema stesso.

Quando bisogna iniziare una psicoterapia?

  • Quando la sofferenza diventa intollerabile. In genere, quando la sofferenza supera la nostra possibilità di tolleranza significa che il disagio è grave, pertanto è bene occuparsene

     

  • Quando si sente che qualcosa non va nella propria vita e si sente il bisogno di cambiare.

     

In ogni caso, è il soggetto che sulla base del proprio sentire decide che è il momento di intraprendere un percorso psicoterapeutico.

Cos'è la psicoterapia?

La psicoterapia consiste in una serie di pratiche finalizzate a ridurre o estinguere il disagio
psichico
(di tipo psicopatologico o esistenziale) mediante “interazione psichica”: due persone, il paziente e lo psicoterapeuta, si incontrano per una o più volte alla settimana e si occupano attraverso il dialogo del problema portato dal paziente fino alla risoluzione del problema stesso.

Quando bisogna iniziare una psicoterapia?

  • Quando la sofferenza diventa intollerabile. In genere, quando la sofferenza supera la nostra possibilità di tolleranza significa che il disagio è grave, pertanto è bene occuparsene

     

  • Quando si sente che qualcosa non va nella propria vita e si sente il bisogno di cambiare.

     

In ogni caso, è il soggetto che sulla base del proprio sentire decide che è il momento di intraprendere un percorso psicoterapeutico.

Per quali problematiche è indicata la psicoterapia?

La psicoterapia è applicabile a tutte le sindromi psicopatologiche:

– Disturbo d’ansia generalizzato
– Attacchi di panico e disturbo di panico
– Disturbo ossessivo compulsivo
– Disturbi post – traumatici
– Disturbi della sfera sessuale (disfunzione erettile,
eiaculazione precoce, vaginismo…)
– Disturbi depressivi (depressione maggiore, distimia…)
– Disturbi bipolari
– Disturbi di personalità (narcisistico, borderline,
paranoide, schizoide, evitante…)
– Disturbi psicotici (schizofrenia, disturbo
schizoaffettivo, disturbo delirante…)
– Disturbi alimentari (anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata…)
– Dipendenze patologiche (sostanze, gioco d’azzardo, internet…)

Per quali problematiche è indicata la psicoterapia?

La psicoterapia è applicabile a tutte le sindromi psicopatologiche:

– Disturbo d’ansia generalizzato
– Attacchi di panico e disturbo di panico
– Disturbo ossessivo compulsivo
– Disturbi post – traumatici
– Disturbi della sfera sessuale (disfunzione erettile,
eiaculazione precoce, vaginismo…)
– Disturbi depressivi (depressione maggiore, distimia…)
– Disturbi bipolari
– Disturbi di personalità (narcisistico, borderline,
paranoide, schizoide, evitante…)
– Disturbi psicotici (schizofrenia, disturbo
schizoaffettivo, disturbo delirante…)
– Disturbi alimentari (anoressia, bulimia, disturbo da alimentazione incontrollata…)
– Dipendenze patologiche (sostanze, gioco d’azzardo, internet…)

La psicoterapia si applica anche a disagio esistenziale in tutte le sue forme:

– Disagio relazionale
– Difficoltà di coppia
– Difficoltà a trovare un partner
– Relazioni disfunzionali
– Separazioni
– Disagio lavorativo
– Stress lavoro correlato
– Burnout
– Difficoltà a trovare un lavoro
– Lutti
– Assenza di senso nella vita

La psicoterapia si applica anche a disagio esistenziale in tutte le sue forme:

– Disagio relazionale
– Difficoltà di coppia
– Difficoltà a trovare un partner
– Relazioni disfunzionali
– Separazioni
– Disagio lavorativo
– Stress lavoro correlato
– Burnout
– Difficoltà a trovare un lavoro
– Lutti
– Assenza di senso nella vita

Cosa si fa in pratica?

Il primo momento della psicoterapia è una fase di consultazione, che può durare da uno a cinque
colloqui. Dopo il contatto da parte del paziente (telefonico, via mail, via internet…) lo
psicoterapeuta fissa un appuntamento. Avviene il primo incontro e da quel momento lo
psicoterapeuta si mette a disposizione per comprendere la problematica che gli viene sottoposta.
La valutazione da parte del terapeuta comprende una
anamnesi, cioè una serie di domande
rivolte al paziente per ricostruire il contesto di vita (recente e remoto) entro cui la problematica è
sorta e una
diagnosi, cioè una formulazione del problema sulla base della quale si imposta una
terapia.


La psicoterapia si articola in un
percorso la cui durata è connaturata al raggiungimento degli
obiettivi che paziente e terapeuta hanno concordato al termine della fase di consultazione. La
metodologia psicoterapeutica viene invece stabilita dal terapeuta sulla base della problematica
di cui è chiamato a occuparsi.


La mia pratica psicoterapeutica comprende:

Cosa si fa in pratica?

Il primo momento della psicoterapia è una fase di consultazione, che può durare da uno a cinque colloqui. Dopo il contatto da parte del paziente (telefonico, via mail, via internet…) lo psicoterapeuta fissa un appuntamento. Avviene il primo incontro e da quel momento lo psicoterapeuta si mette a disposizione per comprendere la problematica che gli viene sottoposta.
La valutazione da parte del terapeuta comprende una
anamnesi, cioè una serie di domande rivolte al paziente per ricostruire il contesto di vita (recente e remoto) entro cui la problematica è sorta e una diagnosi, cioè una formulazione del problema sulla base della quale si imposta una terapia.


La psicoterapia si articola in un
percorso la cui durata è connaturata al raggiungimento degli
obiettivi che paziente e terapeuta hanno concordato al termine della fase di consultazione. La metodologia psicoterapeutica viene invece stabilita dal terapeuta sulla base della problematica
di cui è chiamato a occuparsi.


La mia pratica psicoterapeutica comprende:

psicoanalisi della relazione

PSICOANALISI DELLA RELAZIONE:

La psicoanalisi rappresenta per me la ricerca della Verità. Io a priori non so nulla del paziente che si presenta nel mio studio e si affida alle mie cure. Ma insieme possiamo attivare un processo di ricerca interiore, che permetta al paziente di esplorare regioni della sua esperienza psichica spesso troppo
spaventose o angoscianti per essere attraversate in solitudine. Mi piace pensare al mio ruolo come a una guida esperta, che ha gli strumenti per orientarsi in un territorio inesplorato e che mette a disposizione del suo compagno di viaggio tutto il suo sapere per capire quale sia la direzione giusta da percorrere e dove sia il pericolo da evitare. Ciò avviene nel contesto di una relazione dove due menti si incontrano: quella del paziente e quella dello psicoterapeuta. In un dialogo focalizzato sull’esperienza interna del paziente, si scende insieme negli abissi dell’inconscio, portando alla luce della coscienza i luoghi della mente inesplorati, a lungo dimenticati o abitati da fantasmi angosciosi.

È entrando in contatto con questi aspetti di sé che si attiva il
processo di guarigione psichica. Uno degli aspetti che più mi
affascina è il modo in cui avvengono i passaggi terapeutici
importanti: a volte in forma di cambiamenti piccoli ma
costanti, osservabili quasi di seduta in seduta, altre volte in
forma di intuizioni importanti, il paziente si accorge di come la sua vita è cambiata:


“…non ho più l’ansia! È strano pensarci!”
“se ripenso a quando ho iniziato la terapia, non pensavo che
sarei mai riuscito ad arrivare dove sono ora”


Sono sempre grato ai miei pazienti di mostrarmi la bellezza
della guarigione psichica. Come sono grato loro di insegnarmi costantemente, attraverso le loro storie, cosa sia il dolore, la solitudine, l’angoscia, la voglia di lottare, la forza di amare e di scegliere la vita.

PSICOANALISI DELLA RELAZIONE:

psicoanalisi della relazione

La psicoanalisi rappresenta per me la ricerca della Verità. Io a priori non so nulla del paziente che si presenta nel mio studio e si affida alle mie cure. Ma insieme possiamo attivare un processo di ricerca interiore, che permetta al paziente di esplorare regioni della sua esperienza psichica spesso troppo
spaventose o angoscianti per essere attraversate in solitudine. Mi piace pensare al mio ruolo come a una guida esperta, che ha gli strumenti per orientarsi in un territorio inesplorato e che mette a disposizione del suo compagno di viaggio tutto il suo sapere per capire quale sia la direzione giusta da percorrere e dove sia il pericolo da evitare. Ciò avviene nel contesto di una relazione dove due menti si incontrano: quella del paziente e quella dello psicoterapeuta. In un dialogo focalizzato sull’esperienza interna del paziente, si scende insieme negli abissi dell’inconscio, portando alla luce della coscienza i luoghi della mente inesplorati, a lungo dimenticati o abitati da fantasmi angosciosi.

È entrando in contatto con questi aspetti di sé che si attiva il processo di guarigione psichica. Uno degli aspetti che più mi affascina è il modo in cui avvengono i passaggi terapeutici importanti: a volte in forma di cambiamenti piccoli ma costanti, osservabili quasi di seduta in seduta, altre volte in forma di intuizioni importanti, il paziente si accorge di come la sua vita è cambiata:

“…non ho più l’ansia! È strano pensarci!”
“se ripenso a quando ho iniziato la terapia, non pensavo che sarei mai riuscito ad arrivare dove sono ora”

Sono sempre grato ai miei pazienti di mostrarmi la bellezza della guarigione psichica. Come sono grato loro di insegnarmi costantemente, attraverso le loro storie, cosa sia il dolore, la solitudine, l’angoscia, la voglia di lottare, la forza di amare e di scegliere la vita.

TERAPIA EMDR:

EMDR significa letteralmente Eye Movement Desensitization
and Reprocessing. La terapia EMDR è il trattamento di elezione per i disturbi post traumatici e per i disturbi psichici di origine traumatica.
La terapia EMDR è particolarmente utile quando si sviluppano sintomi a seguito di Traumi come gravi incidenti, episodi di violenza, lutti, catastrofi naturali, operazioni chirurgiche complesse, confronto con malattie organiche gravi…

Al contempo la terapia EMDR è efficace quando si interviene
su traumi relazionali come bullismo, mobbing, esperienze di umiliazione o svalutazione specialmente in età evolutiva…
Generalmente la sintomatologia post traumatica è
caratterizzata da tre elementi:

– Reviviscenza del trauma: flashback, incubi notturni, pensieri
intrusivi legati alla situazione traumatica… la mente continua a portare a coscienza l’evento traumatico.

– Evitamento: quando si vive un trauma si cerca di evitare tutte le situazioni di vita che ricordano l’evento traumatico. Ad esempio, una persona gravemente traumatizzata in seguito a un incidente automobilistico potrebbe non riuscire più a salire su un’automobile.

– Iperarousal: la persona traumatizzata vive in uno stato di
tensione costante, come se fosse sempre esposta a una
possibile minaccia.

trattamenti emdr varese

La terapia EMDR è basata su protocolli che prevedono l’elaborazione di ricordi traumatici
attraverso la stimolazione bilaterale praticata dal terapeuta mediante movimenti delle dita che il paziente segue muovendo gli occhi. In caso di difficoltà con i movimenti oculari, possono essere utilizzate tecniche alternative come il tapping.

TERAPIA EMDR:

EMDR significa letteralmente Eye Movement Desensitization
and Reprocessing. La terapia EMDR è il trattamento di elezione per i disturbi post traumatici e per i disturbi psichici di origine traumatica.
La terapia EMDR è particolarmente utile quando si sviluppano sintomi a seguito di Traumi come gravi incidenti, episodi di violenza, lutti, catastrofi naturali, operazioni chirurgiche complesse, confronto con malattie organiche gravi.

trattamenti emdr varese

Al contempo la terapia EMDR è efficace quando si interviene
su traumi relazionali come bullismo, mobbing, esperienze di umiliazione o svalutazione specialmente in età evolutiva…
Generalmente la sintomatologia post traumatica è caratterizzata da tre elementi:

– Reviviscenza del trauma: flashback, incubi notturni, pensieri intrusivi legati alla situazione traumatica… la mente continua a portare a coscienza l’evento traumatico.

– Evitamento: quando si vive un trauma si cerca di evitare tutte le situazioni di vita che ricordano l’evento traumatico. Ad esempio, una persona gravemente traumatizzata in seguito a un incidente automobilistico potrebbe non riuscire più a salire su un’automobile.

– Iperarousal: la persona traumatizzata vive in uno stato di tensione costante, come se fosse sempre esposta a una
possibile minaccia.

La terapia EMDR è basata su protocolli che prevedono l’elaborazione di ricordi traumatici attraverso la stimolazione bilaterale praticata dal terapeuta mediante movimenti delle dita che il paziente segue muovendo gli occhi. In caso di difficoltà con i movimenti oculari, possono essere utilizzate tecniche alternative come il tapping.

ipnosi varese

IPNOSI E TECNICHE DI RILASSAMENTO:

L’ipnosi comprende una serie di pratiche, chiamate di
“induzione ipnotica”, finalizzate ad accompagnare il soggetto
in uno stato di trance ipnotica. La trance ipnotica è uno stato di coscienza diverso sia dalla veglia (dove l’attenzione è rivolta prevalentemente all’esterno) che dal sonno (dove l’attenzione è rivolta prevalentemente all’interno); è paragonabile a uno stato di rilassamento profondo in cui l’attenzione del soggetto è rivolta alla voce dell’ipnotista e contemporaneamente all’osservazione delle immagini mentali che emergono durante la sessione. In stato di trance ipnotica il soggetto rimane pienamente padrone delle proprie facoltà mentali, ma ha accesso a risorse psichiche generalmente non accessibili in uno stato di veglia vigile.

L’ipnosi nella mia pratica è particolarmente efficace per gestire stati di dolore acuto, sia psichico che fisico. Per avere una misura dell’efficacia dell’ipnosi sul dolore, si pensi che
l’anestesia ipnotica viene utilizzata persino in sostituzione
della terapia farmacologica durante le operazioni chirurgiche.
Il rilassamento è una tecnica basata sull’utilizzo di tecniche per regolare stati fisiologici come la respirazione, la tensione
muscolare, il battito cardiaco. Quando si è in ansia il respiro è
rapido e superficiale, la tensione muscolare elevata e il battito cardiaco accelerato. Spesso il soggetto ansioso interpreta questi segnali come pericolosi per la propria salute, incrementando ulteriormente lo stato di ansia. Il rilassamento è una tecnica particolarmente efficace per rompere questo circolo vizioso, agendo sulla respirazione e sulla distensione dei muscoli nei vari distretti del corpo. Rilassare il proprio corpo in un momento di ansia permette al soggetto di ridurre lo stato ansioso recuperando la sensazione di padronanza di gestione del proprio corpo che la sintomatologia ansiosa sottrae.

tecniche di rilassamento varese

IPNOSI E TECNICHE DI RILASSAMENTO:

ipnosi varese

L’ipnosi comprende una serie di pratiche, chiamate di
“induzione ipnotica”, finalizzate ad accompagnare il soggetto
in uno stato di trance ipnotica. La trance ipnotica è uno stato di coscienza diverso sia dalla veglia (dove l’attenzione è rivolta prevalentemente all’esterno) che dal sonno (dove l’attenzione è rivolta prevalentemente all’interno); è paragonabile a uno stato di rilassamento profondo in cui l’attenzione del soggetto è rivolta alla voce dell’ipnotista e contemporaneamente all’osservazione delle immagini mentali che emergono durante la sessione. In stato di trance ipnotica il soggetto rimane pienamente padrone delle proprie facoltà mentali, ma ha accesso a risorse psichiche generalmente non accessibili in uno stato di veglia vigile.

tecniche di rilassamento varese

L’ipnosi nella mia pratica è particolarmente efficace per gestire stati di dolore acuto, sia psichico che fisico. Per avere una misura dell’efficacia dell’ipnosi sul dolore, si pensi che l’anestesia ipnotica viene utilizzata persino in sostituzione della terapia farmacologica durante le operazioni chirurgiche.
Il rilassamento è una tecnica basata sull’utilizzo di tecniche per regolare stati fisiologici come la respirazione, la tensione muscolare, il battito cardiaco. Quando si è in ansia il respiro è rapido e superficiale, la tensione muscolare elevata e il battito cardiaco accelerato. Spesso il soggetto ansioso interpreta questi segnali come pericolosi per la propria salute, incrementando ulteriormente lo stato di ansia. Il rilassamento è una tecnica particolarmente efficace per rompere questo circolo vizioso, agendo sulla respirazione e sulla distensione dei muscoli nei vari distretti del corpo. Rilassare il proprio corpo in un momento di ansia permette al soggetto di ridurre lo stato ansioso recuperando la sensazione di padronanza di gestione del proprio corpo che la sintomatologia ansiosa sottrae.

Contattami

Contattami